Sorrento Dreaming Cosa Vedere Sorrento Itinerario storico e archeologico tra i Comuni di Ischia

Itinerario storico e archeologico tra i Comuni di Ischia

02 settembre 2010 | Nessun commento

Scritto da nella categoria Cosa Vedere Sorrento

Ischia Porto

L’itinerario prende il via da Ischia Porto, con il suo approdo naturale collocato in un cratere vulcanico del IV sec. Giunti a piazza del Redentore si può visitare la neoclassica Chiesa di Santa Maria di Porto Salvo con i suoi tre grandi dipinti di scuola napoletana.

Da Porto si prosegue e si arriva a Ischia Ponte, vecchio borgo marinaro, fatto costruire per collegare il villaggio all’isolotto dove ora sorge il Castello Aragonese. Si accede al Castello percorrendo a piedi la galleria scavata da Alfonso I d’Aragona o a mezzo di un moderno ascensore. Sulla sommità si può visitare la Chiesa dell’Immacolata e il cinquecentesco Convento delle Clarisse, nei cui sotterranei si intrecciano leggenda e tradizione riguardo il cimitero delle monache.

Ultime tappe sono la Cattedrale dedicata all’Assunta, risalente al XII secolo ma ricostruita in forme barocche, ( famosa per il suo trecentesco fonte battesimale) e la Chiesa di San Pietro a Pantariello. A Casamicciola, vi è un “piccolo gioiello” dell’architettura settecentesca, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. Dopo Casamicciola si raggiunge Lacco Ameno, punto di approdo dei coloni greci. E’ qui, infatti durante un importante scavo archeologico che è stata ritrovata la famosa Coppa di Nestore, sui cui è inciso un epigramma greco in tre versi, contemporaneo ai versi di Omero.

Da Lacco si giunge a Forio d’Ischia, dove si trova il vero simbolo degli ischitani, la Chiesa di Santa Maria del Soccorso, il cui ingresso è decorato da ceramica policroma e ricca di ex voto di pescatori scampati alla tempesta.

Si arriva poi al comune più alto dell’Isola, Serrara Fontana, ai piedi del Monte Epomeo, sulla cui vetta c’è la Chiesa quattrocentesca di San Nicola.

Ultimo Comune è Barano. E’ in Piazza San Rocco che, avvolta in uno stupendo panorama, vi è la parrocchia di San Giorgio, la cui esistenza è attesta già dal 1300.

Tag: ,

Lascia un commento

Suggerimenti: